https://datingranking.net/it/nspl-40-risorse-per-interrompere-la-connessione-tra-violenza-domestica-suicidio/NSPL: oltre 40 risorse per interrompere la connessione tra violenza domestica e suicidio
Divulgazione di affiliazione

NSPL: oltre 40 risorse per interrompere la connessione tra violenza domestica e suicidio

NSPL: oltre 40 risorse per interrompere la connessione tra violenza domestica e suicidio

Il 411: Con potenti campagne sui social media come #BeThe1To, risorse informative e originali come il Suicide Prevention Toolkit e rapporti di collaborazione con organizzazioni rispettate come la National Domestic Violence Hotline, la National Suicide Prevention Lifeline sta parlando, guidando un movimento e indebolendo la connessione tra violenza domestica e suicidio.

Il 25% delle donne vittime di violenza domestica tenta il suicidio, ma questa è solo una delle tante statistiche che mostrano una possibile connessione tra violenza domestica e suicidio, una connessione che la National Suicide Prevention Lifeline (NSPL) si sforza di rompere.

Un programma di sovvenzioni finanziato da SAMHSA lanciato da Link2Health Solutions, la missione dell’NSPL è fornire supporto gratuito e confidenziale alle persone in crisi di suicidio, indipendentemente dalla loro età o provenienza, attraverso una varietà di iniziative, tra cui una rete nazionale di call center collegati a uno numero di telefono: 1-800-273-TALK (8255), che nel solo 2014 ha ricevuto 1,4 milioni di chiamate.

“L’idea è che collegando i centri di crisi in tutto il paese a questa singola linea, possiamo essenzialmente estendere una rete di sicurezza nazionale per le persone che potrebbero essere a rischio, e quella rete di sicurezza è un servizio accessibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni all’anno da qualsiasi luogo negli Stati Uniti”, ha affermato il dott. John Draper, direttore del progetto NSPL.

Violenza domestica: ogni anno provoca più di 9.790 decessi per suicidio

Diversi studi mostrano che la vittimizzazione domestica è correlata con un più alto tasso di depressione e comportamento suicidario.

Secondo un articolo pubblicato su MediaRadar.org, ogni anno negli Stati Uniti si verificano 7.832 suicidi per violenza domestica di sesso maschile e 1.958 di sesso femminile.

Un altro pubblicato sul Medscape Journal of Medicine intitolato “Suicide and Domestic Violence: Could There Be a Correlation?” scoperto su 171 donne intervistate, il 69% ha subito più di una forma di violenza domestica, di quelle donne, il 62% soffriva di depressione, e di queste donne, il 9,4% ha riferito di avere attuali idee suicide.

Foto del direttore del progetto NSPL John Draper

Dr. John Draper, Direttore del progetto NSPL

E non è raro che anche i bambini ne sentano gli effetti. Secondo OvercomingDarkness.com, la ricerca suggerisce che c’è un aumento da due a cinque volte del comportamento suicidario per i bambini esposti alla violenza domestica.

Per combattere questo, una componente cruciale della missione generale dell’NSPL è promuovere relazioni sane e insegnare alle persone come individuare quelle malsane.

“Sappiamo che quando le persone hanno relazioni sane e forti connessioni nelle loro vite, i loro rischi per tutti i tipi di problemi di salute, incluso il suicidio, diminuiscono”, ha detto.

Dal conoscere i segnali di pericolo all’unirsi personalmente alla lotta, Draper ci ha guidato attraverso le molte sfaccettature della NSPL.

In che modo NSPL sta mitigando il problema (e 3 modi in cui puoi aiutare)

Le risorse approfondite e didattiche sono la spina dorsale dell’NSPL e, sebbene sia stato difficile restringere il campo, abbiamo evidenziato alcuni dei nostri preferiti di seguito. Tutto quello che devi fare è fare clic sui collegamenti e ti porteranno in ogni sezione.

Segnali di pericolo | Campagna #BeThe1To | Toolkit per la prevenzione del suicidio | Piano di risposta alla crisi | App per la prevenzione del suicidio MY3 | Localizzatore di centri di crisi | Schede informative | Video personali | 3 chiavi per un domani migliore

1. Riconosci i segnali di pericolo e partecipa alla campagna #BeThe1To

Partendo dalle nozioni di base indispensabili, l’elenco dei principali segnali di avvertimento della NSPL aiuta le persone a riconoscere quando qualcuno è a rischio di suicidio.

Nota: Secondo l’NSPL, “il rischio di suicidio è maggiore se un comportamento è nuovo o è aumentato e se sembra correlato a un evento doloroso, perdita o cambiamento”.

Foto di segnali di pericolo suicidi

#BeThe1To

Settembre è il mese nazionale per la prevenzione del suicidio, quindi l’NSPL ha rilasciato una serie di grafici come parte di #BeThe1To, una campagna sui social media che ci mostra come tutti noi possiamo svolgere un ruolo nella prevenzione del suicidio e si concentra su quattro passaggi importanti per aiutare qualcuno nel bisogno.

“La ricerca ha dimostrato che ognuno di questi passaggi fa la differenza nel salvare vite umane. Sono relativamente semplici e volevamo comunicarli in modo semplice perché sono qualcosa che chiunque può fare”, ha detto Draper.

Passaggio 1: #BeThe1To ASK.

Mentre alcuni potrebbero sentirsi a disagio nel fare domande in anticipo, Draper ci ha detto che le persone che hanno tendenze suicide saranno grate che qualcuno voglia sapere cosa stanno pensando e provando, mentre coloro che non hanno tendenze suicide non “avranno alcuna idea” .

“Per coloro che stanno vivendo una crisi suicidaria, essere chiesto direttamente dà loro il permesso di parlare di qualcosa di cui altrimenti è molto difficile parlare con chiunque”, ha detto.

Foto della campagna #BeThe1To

Dovresti anche #BeThe1To chiedere:

  • quando qualcuno soffre di dolore emotivo e aumenta l’uso di droghe e alcol
  • quando qualcuno è nel dolore emotivo e dorme molto poco (o molto più del solito)
  • quando qualcuno è nel dolore emotivo e sente che non c’è via d’uscita e non c’è fine al dolore
  • quando qualcuno prova dolore emotivo e agisce in modo avventato
  • quando qualcuno prova dolore emotivo e si sente molto arrabbiato o ha altri stati d’animo estremi

Passaggio 2: #BeThe1To TENERE AL SICURO.

Che si tratti di gestire le pillole da prescrizione o limitare l’accesso alle armi da fuoco, ci sono azioni reali che le persone possono intraprendere per proteggere qualcuno in una crisi suicidaria, ma forse il più influente è semplicemente dire loro quanto sia importante la loro vita per te e che vuoi aiutarli in questo momento difficile.

“Fagli sapere che sei preoccupato per loro e che vorresti fare tutto il possibile per tenerli al sicuro”, ha detto Draper.

Foto della campagna #BeThe1To

Passaggio 3: #BeThe1To ESSERE lì.

Come è importante vocalizzare le tue preoccupazioni, lo è anche lo stare fisicamente con la persona, facendola sentire meno sola e più connessa con gli altri.

“Stai con loro e resta con loro in modo non giudicante e di supporto”, ha detto.

Foto della campagna #BeThe1To

Passaggio 4: #BeThe1To AIUTARLI A RIMANERE CONNESSI.

Il valore di esserci va di pari passo anche con l’aiutare la persona a rischio a rimanere in contatto. Impedire a qualcuno di suicidarsi non è un lavoro da due persone, quindi l’NSPL ti incoraggia ad assicurarti che abbiano sempre accesso a un sistema di supporto. C’è qualcun altro con cui possono parlare di cui si fidano? In tal caso, collabora con loro per creare un elenco di familiari, amici, terapisti e altro ancora.

Foto della campagna #BeThe1To

Passaggio 5: #BeThe1To FOLLOW-UP.

Avere follow-up regolari dopo che la crisi immediata è stata risolta per mostrare loro che ci sono ancora persone che si prendono cura di loro e possono aiutarli nei giorni, nelle settimane, nei mesi e negli anni a venire.

“Quello che vogliamo fare è coinvolgere quante più persone possibile per dare a quella persona un po’ di supporto. Potrebbero essere amici o familiari, chiunque con cui quella persona si fida e si sente a suo agio potrebbe essere un supporto importante per loro durante questo momento critico, ma certamente chiamare l’NSPL e vedere un professionista della salute mentale è altamente consigliabile e spesso può essere davvero utile”, ha detto Draper.

Foto della campagna #BeThe1To

2. Utilizza il Toolkit per la prevenzione del suicidio

Creato per mostrare l’ampia gamma di approcci alla prevenzione del suicidio e aiutare le persone in crisi, come cosa dire e cosa non dire, il Suicide Prevention Toolkit è un altro ottimo strumento nell’arsenale di NSPL.

Foto del kit di strumenti per la prevenzione del suicidio

Il Suicide Prevention Toolkit dell’NSPL include i passaggi per creare il tuo piano di coping.

Alcuni estratti dal toolkit includono:

  • Il suicidio è prevenibile: Il suicidio colpisce tutti noi: più del doppio delle persone in America muoiono di suicidio rispetto agli omicidi, e ogni anno muoiono di suicidio più persone che incidenti stradali.
  • Tutti possiamo aiutare: Tuttavia, la stragrande maggioranza delle persone con intense esperienze suicide riesce a farsi strada in questi tempi difficili. Le loro storie ci ricordano che il suicidio è prevenibile.
  • Mettersi in gioco: Condividi e usa questa risorsa per aiutare a creare connessioni più forti nelle tue comunità e attraverso i social media. Usa questi suggerimenti per raggiungere coloro che potrebbero essere in difficoltà. Possiamo fare qualcosa per aiutare a prevenire il suicidio.
  • Crea il tuo PSA: C’è qualcosa che tutti noi possiamo fare per prevenire il suicidio. È stato dimostrato che la promozione di connessioni significative e premurose tra loro, anche nel più piccolo dei modi, è un fattore importante nella prevenzione del suicidio.

“È importante per noi fornire alle persone informazioni per aiutarle a diventare non solo consapevoli che c’è qualcosa che possono fare, ma anche dare loro informazioni su cosa esattamente possono fare”, ha affermato.

Come creare il tuo piano di gestione delle crisi

Una parte integrante del kit di strumenti è il Piano per affrontare le crisi, che è un modo semplice per tenere traccia di ciò che puoi fare quando i pensieri suicidi ti fanno sentire sopraffatto e le tue emozioni hanno alterato la tua capacità di far fronte.

“Ciò che può fare il piano di coping (o piano di sicurezza”) è ricordarti che ci sono un certo numero di cose che puoi fare per ridurre l’intenso dolore emotivo in cui ti trovi in questo momento, ed è difficile da ricordare e organizzare quando sei sentirsi sopraffatti in uno stato di crisi”, ha detto Draper.

Foto del modello di piano di sicurezza NSPL

“Ciò che cose come il piano di coping possono fare è ricordarti che ci sono un certo numero di vie d’uscita, ed è difficile ricordarlo quando sei in uno stato di crisi”.

Gli elementi essenziali per creare il proprio piano di sicurezza includono:

  1. Riconosci i segnali di pericolo: Che tipo di pensieri, immagini, stati d’animo, situazioni e comportamenti ti indicano che potrebbe svilupparsi una crisi? Scrivi questi con parole tue.
  2. Usa le tue strategie di coping senza contattare un’altra persona: Quali sono alcune cose che puoi fare da solo per aiutarti a non agire su pensieri/impulsi di farti del male?
  3. Socializza con altre persone che possono offrire supporto e distrazione dalla crisi: Fai un elenco di persone (con numeri di telefono) e impostazioni sociali che possono aiutarti a distrarti.
  4. Contatta familiari o amici che possono aiutare a risolvere una crisi: Fai un elenco dei membri della famiglia (con i numeri di telefono) che ti supportano e con cui pensi di poter parlare quando sei sotto stress.
  5. Contatta professionisti o agenzie di salute mentale: Elenca nomi, numeri e/o sedi di medici, pronto soccorso locali, hotline per le crisi: porta il numero NSPL 1-800-273-8255
  6. Assicurati che il tuo ambiente sia sicuro: Hai pensato ai modi in cui potresti farti del male? Collabora con il tuo consulente per sviluppare un piano per limitare il tuo accesso a questi mezzi.

Questo tipo di piano di coping può anche essere particolarmente utile per le persone in situazioni di violenza da parte del partner intimo.

“Quando sentono che non c’è via d’uscita da una relazione caratterizzata da potere e controllo, a volte avere pensieri suicidi è un modo per loro di sentirsi come se avessero un certo controllo sulla situazione (ho una via d’uscita’),” ha detto. “Per le persone che sono minacciate dai loro partner, il piano di coping può fornire loro strategie sane per aiutarli a ottenere un po’ più di controllo e ad adottare misure per superare e, eventualmente, uscire dalla situazione”.

Come stare al sicuro da qualsiasi luogo: app per la prevenzione del suicidio MY3

Quali sono le tre persone di cui ti fidi di più e a cui puoi rivolgerti durante un’emergenza emotiva o fisica? Qual è il processo per superare questa emergenza che funziona meglio per te? Questa è l’intenzione dell’app My3 Suicide Prevention.

Foto dell'app MY3 per la prevenzione del suicidio

Porta il tuo piano di sicurezza per la prevenzione del suicidio ovunque con l’app MY3 Suicide Prevention.

Porta con te il tuo piano di gestione personalizzato ovunque e tiralo fuori ogni volta che ti senti fuori controllo in modo da poter contattare rapidamente le persone nella tua rete di supporto o utilizzare le risorse reali che funzionano per te.

L’app My3 Suicide Prevention è disponibile tramite l’App Store o Google Play.

3. La collaborazione è fondamentale: ottieni assistenza ora con il localizzatore di centri di crisi

L’NSPL sa che servirà la forza di una buona squadra per raggiungere il suo obiettivo finale, motivo per cui ha una rete di prevenzione del suicidio di 165 centri di crisi e altre risorse. Draper ha detto quando si tratta di trovare modi per affrontare una relazione violenta: “Non ci sono esperti migliori dei nostri amici della National Domestic Violence Hotline (NDVH).”

“Dalla collaborazione con organizzazioni come l’NDVH alla persona che è suicida, prevenire il suicidio e trovare la speranza è necessariamente uno sforzo collaborativo”, ha continuato. “Alcune sfide sono troppo grandi per nessuno di noi da gestire da soli. Attraverso la collaborazione con la nostra vasta rete di centri di crisi, possiamo mettere in comune le loro conoscenze collettive e le lezioni apprese da ricercatori ed esperti in tutto il paese per stabilire le migliori pratiche per aiutare le persone che sono suicidi».

Foto di violenza domestica e risorse suicidi

Altri localizzatori NSPL includono:

  • Amministrazione dei servizi di abuso di sostanze e salute mentale: Localizzatore di servizi di salute mentale
  • American Association of Suicidology: Suicide Loss Survivors Support Group Finder
  • HelpPRO Trova terapista per la prevenzione del suicidio
  • Psicologia oggi terapista e ricerca di gruppi di supporto
  • Fondazione americana per la prevenzione del suicidio: Finder di gruppi di supporto al lutto per il suicidio

Sebbene questi professionisti offrano una varietà di servizi, affrontano ogni problema con lo stesso obiettivo: fornire un ambiente sicuro in cui possano ispirare le persone in crisi a ottenere l’aiuto di cui hanno bisogno senza essere costretti a farlo, soprattutto quando si tratta di lasciare un relazione abusiva, che è il momento in cui è più probabile che si verifichi la violenza.

Dipende tutto dall’individuo.

“Il nostro compito è facilitare una connessione compassionevole e comprensiva con loro che consentirà loro di credere in se stessi e credere che la speranza sia possibile; uno scambio che li aiuterà a superare questo momento fino a quando non troveranno un domani migliore”, ha detto Draper.

Racconta la tua storia e scopri di più

Da video piacevolmente onesti e personali a fogli informativi ricchi di fatti, l’NSPL offre numerosi modi per connettersi con gli altri e ottenere maggiori informazioni sugli effetti reali del suicidio e su come affrontarli correttamente.

Schede informative e risorse aggiuntive

Quando si parla di suicidio, vengono lanciati molti numeri, quindi l’NSPL lavora per mettere le cose in chiaro con le schede informative dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), del Suicide Prevention Resource Center (SPRC) e altro ancora.

Tali fogli sono costituiti da “Suicide: Facts at a Glance” del CDC, che sottolinea fatti come il suicidio è la settima causa di morte per i maschi
e la quattordicesima causa principale per le donne, e la “Suicide Prevention 101: Customized Information Series” dell’SPRC, che raccomanda metodi specializzati per le persone per prevenire il suicidio (ad esempio, insegnanti contro guardie carcerarie contro tutori contro fratelli, ecc.).

Video

Una cosa è chiamare una hotline o leggere una guida per un consiglio, ma un’altra è ascoltare le storie raccontate da una persona che è stata nei tuoi panni.

La serie di video della NSPL dà un volto alla persona e una voce al volto, che si tratti di un individuo, di un familiare o di un professionista. Ogni storia ti porta attraverso il viaggio di qualcuno da una vita di disperazione a una di speranza. Alcuni dei video includono anche un PSA per la prevenzione del suicidio dal cast di “One Tree Hill” e “La cura centrata sulla persona in suicidio” di Draper.

Violenza domestica e suicidio: le 3 chiavi di NSPL per un domani migliore

Un mondo senza violenza domestica e suicidio è alla nostra portata, quindi più possiamo aiutare organizzazioni come l’NSPL e l’NDVH, più possiamo mostrare alle persone che questi momenti bui non durano per sempre e arriverà un domani migliore.

Per arrivarci, la NSPL esorta tutti noi a ricordare questi tre fatti chiave:

  1. Il suicidio è prevenibile.
  2. C’è qualcosa che tutti possono fare al riguardo.
  3. Lavorare con i centri di crisi locali e nazionali fa la differenza.

Schermata della homepage di NSPL

La National Suicide Prevention Lifeline risponde a più di 1,4 milioni di chiamate all’anno e continua a contare.

“La stragrande maggioranza dei suicidi viene prevenuta. Ci sono 12 milioni di persone che pensano seriamente al suicidio ogni anno, 8 milioni che pianificano il loro suicidio e 41.000 che si suicidano effettivamente. C’è un enorme divario tra il numero di persone che sono in crisi suicidaria e le persone che si uccidono davvero”, ha detto Draper.

“In quel vuoto rivelato dai dati ci sono milioni di storie di prevenzione del suicidio. Quelle sono storie che sono importanti per noi perché molte persone, quando si sentono suicida, credono di essere le uniche a sentirsi in questo modo e che non c’è via d’uscita”, ha continuato. “Dovrebbero sapere che altre persone che si sono sentite perse e intrappolate nel dolore quanto loro – come se non ci fosse una risposta al loro problema – hanno trovato il modo di resistere e superarlo. Non solo hanno vissuto per raccontare la storia, ma molti anni dopo si sono guardati indietro e hanno detto grazie a Dio che l’ho superato. Mi sarei perso così tanto.'”

Per saperne di più sulla National Suicide Prevention Lifeline, visita suicidepreventionlifeline.org. Se tu o qualcuno che conosci mostra segni di suicidio, chiama il numero 1-800-273-TALK (8255).

Per saperne di più sulla National Domestic Violence Hotline e sull’impatto positivo che stanno avendo sull’arresto della violenza tra partner, visita thehotline.org. Se tu o qualcuno che conosci siete una vittima di violenza domestica, chiama il numero 1-800-799-7233 o 1-800-787-3224.

Amie Katelyn
Amie Katelyn
Amie Katelyn
MS, RD e scrittore
Amie è il nostro eroe degli appuntamenti e sa tutto su come migliorare le relazioni tra le persone! Ha ottime capacità che usa per migliorare la vita delle persone!
Inviare una recensione
Valutazione:

I migliori siti di incontri

Together2Night
9.3
Leggere
BeNaughty
9.9
Leggere
OneNightFriend
9.4
Leggere